Ti porto a…Caramanico Terme (Pe) alla scoperta della Valle dell’Orfento e della Lontra | Mamma dove mi porti? Abruzzo e dintorni

Con i nostri tempi sempre molto lunghi arriviamo a Caramanico Terme, nel cuore del Parco Nazionale della Majella, all’ora di pranzo, alle ore 13:00 Paola ci prepara l’autorizzazione per entrare nella Valle dell’Orfento, indicazioni chiarissime, impossibile sbagliare ci dice…per molti, ma non per tutti!

Perché noi siamo in grado di complicarci la vita anche quando le cose sono semplici, quindi  arriviamo nel posto designato per accedere al sentiero, mangiamo un panino al volo, indossiamo le scarpe da trekking e davanti al cartello che spiega dove siamo, mi convinco che non era quello l’ingresso giusto, interpreto a modo mio la piantina e costringo, un marito poco convinto e i bambini che avevano già impugnato i bastoni, a tornare in macchina, alla ricerca dell’ingresso del Ponte di Caramanico (che era quello).

Per farla breve, proseguiamo in auto lungo la strada, allontanandoci sempre più dal paese, saliamo per una stradina secondaria che comunque ci ha fatto godere un bel panorama, torniamo indietro alla rotonda grande, imbocchiamo un paio di strade con mio marito che sbraita, e finalmente alle 14:15 troviamo un’anima pia che conferma che era quello l’ingresso di cui parlava Paola.

La Valle dell’Orfento

Alle 14:30 finalmente, per la seconda volta, imbocchiamo il sentiero che conduce al fiume.

Da quel sentiero si può effettuare una lunga passeggiata che porta al paese o, viceversa, imboccarlo dal paese per arrivare al Ponte di Caramanico, ma, dietro suggerimento di Paola, abbiamo scartato questa opzione, vista la presenza di un breve tratto panoramico in cui il sentiero si restringe e  bisogna prestare maggiore attenzione.

Ovviamente noi, con un bambino di 4 anni e io che soffro di vertigini, abbiamo preferito prendere la via più semplice e percorrerlo dall’ultimo tratto.

Tanti gradoni e gradini in mezzo al bosco, vegetazione fitta e lussureggiante, il rumore del fiume ci arriva forte e chiaro, sempre più vicino con lo scendere a valle.

IMG_5547

IMG_5835

IMG_5561 (1)

IMG_5563

IMG_5690

IMG_5612

IMG_5618

IMG_6028

IMG_5966

Ancora pochi passi e si apre davanti a noi uno scenario da favola, il fiume scorre e le rocce levigate splendono ai raggi del sole che riesce a filtrare, ponti sul fiume e sentiero che lo costeggia.

Un canyon vero e proprio, la portata del fiume nei mesi invernali si intuisce dai rami e tronchi che sono rimasti impigliati tra le rocce.

Proseguiamo per il sentiero incrociando altri forestieri che si godono un po’ di fresco.

Il mio quattrenne é felice perché spera di incontrare animali feroci che può combattere con il bastone, mia figlia grande, animata da un forte spirito di avventura, si lancia in solitaria e spesso dobbiamo richiamarla, entusiasta com’è, di fare l’esploratrice.

Sono luoghi in cui ti devi fermare un attimo e ascoltare il rumore del fiume, degli alberi, in cui ti siedi per terra, ti togli le scarpe, immergi i piedi nell’acqua gelida del fiume e guardi in alto, respiri a pieni polmoni, chiudi gli occhi e ti perdi nei tuoi pensieri.

Questo avremmo dovuto fare, ma con l’argento vivo dei bimbi non si ha il tempo di soffermarsi a riflettere su questi dettagli e a causa mia, inoltre, si era fatto tardi e dovevamo tornare in superficie.

Paola ci aspettava per il laboratorio sulla Lontra.

IMG_5969

IMG_5970

IMG_5971

IMG_5973

IMG_5741

La Lontra

Siamo riusciti ad arrivare con soli 3 minuti di ritardo, alle 16:03 eravamo di nuovo nella sede di Majambiente.

Paola deve essersi accorta di qualcosa, forse la mia faccia stravolta dal caldo e dalla camminata valeva più di mille parole, ma ho cercato di mantenere un contegno, una dignità, quando mi ha chiesto come era andata e io, ovviamente, non ho specificato l’antefatto, sottolineando che non c’era stato nessun tipo di problema, nel raggiungere e nel percorrere il sentiero.

Il laboratorio si svolge nella sede di Majambiente, la dolce Paola ipnotizza letteralmente i bimbi coinvolgendoli nella spiegazione sulla natura della lontra, sul suo habitat e sulle sue abitudini.

La durata é di circa un’ora, i genitori possono lasciare tranquillamente i piccoli e approfittare per fare una passeggiata in paese.

Io ho avuto l’onore di poter assistere e ho visto bimbi rapiti dalle parole di Paola che dopo la spiegazione li ha condotti  in un tunnel sotterraneo che riproduce la tana dell’animale, in via di estinzione, dove una lontra “femmina” racconta come costruisce la sua tana, dove va a partorire i cuccioli, come insegna loro a nuotare e parla dell’ignoranza dell’uomo, che sta mettendo a repentaglio la sua incolumità.

All’uscita, un piccolo test verifica il grado di attenzione dei bambini, che ovviamente ricordano tutto e felici ricevono i gadget per raccontare a casa la bella esperienza.

13646818_1655210578135968_872238203_o

IMG_6019

IMG_6020

IMG_6021

IMG_5868

IMG_6024

IMG_5908

IMG_5954

IMG_5955

IMG_5898

Caramanico Terme

Salutiamo Paola, ringraziandola per le preziose informazioni e proseguiamo verso Caramanico Terme che permette di essere agevolmente visitata a piedi, lungo il Corso G. Bernardi che porta alla Chiesa Santa Maria Maggiore, con un dedalo di belle viette laterali che la arrichiscono di storia.

E’ una città turistica, famosa per le terme, frequentata tutto l’anno, non solo da persone che hanno bisogno di cure termali.

Tanti gli hotel e i punti ristoro che consentono una piacevole sosta ammirando il bel panorama che offre la Majella.

Abbiamo chiesto ad alcuni passanti, ma non ci hanno saputo indicare un parco giochi nelle vicinanze.

Non so dove prendano tutta questa energia, i bambini avevano ancora voglia di correre e saltare, per poi crollare in macchina alla prima curva, con il panino in mano e la bocca aperta!

IMG_5963

13646867_1655210491469310_1962526075_o
Chiesa Santa Maria Maggiore
IMG_5988
Chiesa Santa Maria Maggiore
IMG_5989
Chiesa Santa Maria Maggiore

IMG_5979

Informazioni utili:

Per accedere alla Valle dell’Orfento, bisogna munirsi di autorizzazione, gratuita,  rilasciata presso la sede della Riserva Naturale Valle dell’Orfento nonchè di Majambiente, in Via del Vivaio, a Caramanico Terme, aperta dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19.

I sentieri percorribili sono 8 con difficoltà e lunghezza diversi, adatti ai bambini da 4 anni in su, che abbiano voglia di camminare e abbastanza autosufficienti. Paola e i ragazzi di Majambiente vi sapranno consigliare in base alle vostre conoscenze, capacità e curiosità.

Quello che abbiamo intrapreso noi era il sentiero delle Scalelle, in programma ogni martedì dal 1 luglio al 15 settembre, ma non l’abbiamo percorso tutto, siamo partiti dalla fine, abbiamo camminato per circa 40 minuti , fermandoci per le foto e siamo tornati indietro.

Consiglio scarpe da trekking, abbigliamento comodo, acqua, qualcosa da stuzzicare per i bambini e un po’ di tempo da concedersi per ammirare il bello che vi circonderà.

I laboratori sulla lontra,  si svolgono in due momenti, noi abbiamo partecipato a quello pomeridiano TANA DELLA LONTRA, in programma il giovedì e il sabato fino al 15 settembre, alle 16 presso il Centro Visita Valle dell’Orfento, rivolto ai bambini dai 4 anni in su, al costo di 4 euro a partecipante, che comprende servizio guida, ingresso e gadget finale.

Si può optare per il laboratorio serale presso l’Area Faunistica della Lontra, a cui tutta la famiglia può partecipare, in programma il giovedì e il sabato, fino al 15 settembre, alle ore 21, rivolto ai bambini dai 7 ai 14 anni, al costo di 3 euro a partecipante, che comprende servizio guida e ingresso.

Durante l’attività serale dedicata alla Lontra si possono avvistare degli esemplari dal vivo, se si ha fortuna e si osserva in silenzio.

Nelle locandine che allego sono presenti moltissime attività per adulti e famiglie con figli più o meno grandi, curate da Majambiente e da Il Bosso di Bussi sul Tirino, che tra le altre, offre la possibilità di effettuare un’escursione in canoa sul Tirino, dal 1 giugno al 30 settembre, prenotabile tutti i giorni.

A chi ha tempo e voglia di approfondire la visita, sempre a Caramanico Terme c’è anche il Parco Avventura Majagreen, che abbiamo intravisto per sbaglio nel nostro peregrinare a casaccio, e che rappresenta la solita scusa per tornare a visitare questi luoghi magici.

Per maggiori info: http://www.majambiente.it/

Per maggiori info: http://www.ilbosso.com

Per maggiori info: http://www.comunecaramanicoterme.it

Annunci

10 pensieri riguardo “Ti porto a…Caramanico Terme (Pe) alla scoperta della Valle dell’Orfento e della Lontra | Mamma dove mi porti? Abruzzo e dintorni

Rispondi a Eventi per famiglie in Abruzzo estate 2017 – Mamma dove mi porti? Abruzzo e dintorni – Mamma dove mi porti? Abruzzo e dintorni Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...